lunedì 22 dicembre 2014

Finisce l' anno.... è tempo di iscrizioni!!!

Quasi.
L' anno non è finito e le iscrizioni a scuola si faranno a gennaio, ma mi piace mettere in evidenza quella che mi pare un anacronismo del sistema scolastico locale, che intende "programmare" (almeno così sostiene)  il prossimo anno scolastico.

Premessa 1 (d' obbligo): il servizio scolastico è un servizio pubblico, obbligatorio, vedasi Costituzione per il diritto allo studio etc etc.

Premessa 2: sul territorio dove risiedo, il Comune è diviso in due aree dette di "competenza territoriale" per l' attribuzione degli scolari ad uno specifico edificio scolastico (il più vicino alla residenza)

Premessa 3: stando che - vuoi per necessità vuoi per scelta - i genitori spesso lavorano entrambi a tempo pieno

l' autorità territoriale competente in materia scolastica  ha deciso di sondare i bisogni famigliari con un questionario proponendo ben 4 opzioni  di "tempo scuola" alle famiglie, facendo però ben intendere che il sondaggio è meramente consultivo (nessun obbligo) e serve solo di orientamento ai fini organizzativi e formativi dell'"offerta scolastica" ... sigh per l' espressione...

Le possibilità sono di suddividere le 26 ore obbligatorie come segue :

1. su 6 giorni con due rientri pomeridiani facoltativi  (leggi: dal lunedì al sabato, senza mensa, chi vuole le materie opzionali sono due ore due volte alla settimana)

2. su 6 giorni con due rientri pomeridiani obbligatori ed il sabato facoltativo (leggi: dal lunedi al sabato, senza mensa)

3. su 5 giorni con due rientri facoltativi e tre obbligatori (leggi: dal lunedì al venerdì, con mensa)

4. su 5 giorni con due pomeriggi facoltativi e due obbligatori (leggi: dal lunedì al venerdi, con mensa, tranne venerdi perchè non c'è pomeriggio)

L' opzione 1 e 2 sono attive vicino casa: ma non c'è mensa quindi bisognerebbe portare i pupi alle 8 per riprenderli alle 12.20 , chi fa i due pomeriggi facoltativi rientra poi per meno di 2 ore a scuola
L' opzione 3 è attiva in un altro Comune limitrofo, ovvero si va in lista d' attesa perchè non residenti in quel Comune = nessuna garanzia di  posto
L' opzione 4 è attiva nel Comune di residenza, ma data la "competenza territoriale" non è quello vicino casa e non si è prioritari sulle iscrizioni.

Le mie obiezioni:
- ma in tempo di spending review, mi tieni le scuole aperte 6 giorni anzichè 5 (elettricità, riscaldamento, pulizie, personale docente e non, trasporto scolastico)? E me lo "offri" nella metà delle opzioni?
- ma in tempo di spending review e disoccupazione, mi dici che fare un pomeriggio facoltativo a scuola (venerdi pomeriggio) non è possibile per motivi di costi? Che non si trova personale disponibile alla sorveglianza?

- ma in uno stesso Comune, la pubblica amminisrazione differenzia tra i suoi stessi cittadini una priorità di scelta ad alcuni a discapito di altri?
Vogliamo andare incontro alle esigenze dei genitori (purtroppo un part-time è un miraggio per molti) smettendola di "costringere" con motivazioni assurde alcuni scolari a frequentare una scuola dove non c'è mensa nè pomeriggi scolastici solo perchè una normativa provinciale li vuole non prioritari rispetto ai coetanei dello stesso Comune , più vicini invece ad una scuola a tempo prolungato con mensa e trasporto scolastico?
Sarebbe più logico e un'ottimizzazione delle risorse destinare gli studenti che necessitano di tempo prolungato  (lavoro dei genitori) su una scuola e gli altri sull' altra, rendendo così un punto di forza l' "offerta scolastica "  con e senza mensa (sigh) dello stesso Comune....

- Vogliamo rendere più credibili le istituzioni, dopo aver fatto costruire una scuola nuova che a distanza di pochissimi anni già non ha più aule per i suoi studenti? Le aule sono queste, nonostante le promesse la situazione è ancora invariata (soldi pubblici, sigh) ed a quanto pare comune a tutte le aule......... Con la conseguenza che in una scuola ci vuole una deroga speciale per tenere una classe prima con 9 bambini (quella a tempo normale), mentre sull' altra (quella nuova a tempo prolungato) sono costretti a sdoppiarla per eccesso di alunni (29 in una classe)...

Se potessi permettermi il lusso (la vedo così) di far frequentare a mia figlia un tempo normale (pranzo e pomeriggi a casa) lo farei subito. Però non si può costringere un genitore a fare salti mortali per conciliare scuola e lavoro, scaricando quindi il fantomatico "barile" delle responsabilità....

La scuola è un servizio pubblico o no? Se le esigenze sono quelle che sono, fosse anche che non ci sono i soldi stanziabili, facciamo almeno il tentativo di richiedere lo stanziamento per l' anno prossimo anzichè sedersi su uno status quo e non tentare nemmeno di smuovere le acque o manifestare l' esigenza per iscritto alla Svrintenzdenza /Provincia, sia pure offrendo un' alternativa a pagamento ai genitori ?



Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie