domenica 20 ottobre 2013

Ode dell' annuncio

Argomento trito e ritrito, ma stranamente si ripropone ogni tot...

A due settimane dallo start della campagna job research, mi sono imbattuta in queste situazioni e leggo  inserzioni di questo tipo a ripetizione:

1. XY seleziona per importante azienda cliente ....
Il/la candidato/a ideale ha conseguito il diploma di ragioniere o equipollente. Ha maturato un esperienza di almento un anno nella mansione. Conosce la contabilità semplificata, é disponibile, puntuale, preciso, autonomo e ben organizzato.
La persona selezionata, con un contratto iniziale part time, affiancherà il responsabile amministrativo e segreteria, centralino, amministrazione di base, rapporti con i clienti, recupero crediti ecc..
Completa il profilo la residenza o il domicilio in Val di YY..

esito per me (abitando a 2 km dall' inizio geografico/topografico/orografico della Val di YY): candidatura scartata

ad un secondo annuncio che richiedeva "residenza nella provincia di HH", sono in attesa di risposta dato che abito a 2 km anche dall'inizio della suddetta provincia....

2. "per posizione a tempo determinato e tempo pieno" ho inviato specificando "part-time di 35 ore settimanali"
esito: picche perchè  "cerchiamo un tempo pieno"   ... sai la differenza....

3." Il candidato\a ideale ha un età compresa tra i 20 e 32 anni. Dopo un primo contratto a tempo determinato si prevede l'inserimento a tempo indeterminato in azienda. Orario: Full time (non viene valutato il Part-time)"
sono out per l' età e per l' orario

4. cercasi " persona motivata, flessibile, autonoma, capace di lavorare in team, proattivo, discreto, plurilingue, laurea non necessaria, preferibile esperienza pregressa almeno biennale.... max 29 anni per contratto di apprendistato".. del tipo, devi sapere fare di tutto ed essere flessibile ad accettare un precariato sottopagato...

S.P.Q.D = sono pazzi questi datori di  lavoro

La lista potrebbe continuare, nel frattempo ho avuto anche per fortuna delle risposte  e positive. Nei prossimi giorni vado a 3 colloqui: posizioni diverse ma tutte compatibilissime con il mio profilo, geograficamente dai 5 km di distanza ai 45 (se penso che in quel di Paris, pr 5 km in linea d' aria ci volevano 50 min tra RER e metro), ma tutti a tempo determinato e full-time.


Il punto rimane sempre lo stesso: più lontana vado, meno ore posso fare e dato che mia figlia esce da scuola  poco dopo le 16, io max alle 16 dovrò staccare dal lavoro.

E farò questo discorso anche ai colloqui (in fondo ai colloqui), per due ragioni:

  • non ha senso che cerchi una babysitter fissa per due ore serali (e trovarla!) dicendole "aspettami disponibile finchè non trovo un lavoro io"  oppure assumerla subito nell' attesa che io trovi lavoro (fisso)...
  • fare tempo pieno e  sentirmi in colpa per non vedere le figlie ("hai voluto la bicicletta....") non ha senso: sarebbe la babysitter a seguirle nei compiti e nelle loro attività extrascolastiche...


Allora , dato che il mercato italiano almeno regionale è quello che è e che la tanto promossa  conciliazione famiglia-lavoro rimane solo un bel discorso sulla carta, può benissimo darsi che - seppur interessati al mio profilo ed io all' azienda ed al ruolo - , ottenga un 3 su 3 di "siamo spiacenti, ma...".

A' suivre.....




Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie