domenica 19 marzo 2017

Upcycling dell'ombrello

A dire il vero bisognerebbe usare il plurale, dato che negli ultimi tempi è andata proprio così.

Non potendo affidare ad un bambino un classico ombrello di un metro o poco più ed essendo quindi costretti a ripiegare sulla versione mini  da borsetta  da zainetto o cartella, il risultato è scontato:

prima o poi si rompe, si perde, si piega = si deve sostituire/buttare/cambiare (in loop).

La tela è solitamente leggera e colorata. Le fantasie possono essere mille.

Il primo riciclo è stato un prototipo (parola  che è piaciuta assai alla piccola, quasi uno scioglilingua): un porta-merenda con porta-borraccia/porta-bottiglia coordinato. Il porta-merenda è foderato.

Il secondo riciclo è venuto meglio dal punto di vista tecnico: porta-picnic  in occasione scolastica (non solo la merenda, bensì il corollario tovaglioli-piatto-bicchiere-posate in plastica rigida categoricamente NO-ONE-WAY, perchè dopo il pranzo si ributta tutto dentro il sacco e si porta a casa dalla mamma). Questi non sono foderati (foto in arrivo)

Il terzo riciclo è quello che va a completare il set, ormai quasi kit da escursione in montagna: piccolo plaid con lato impermeabile per sedersi un pelo più comodamente  su prati rugiadosi e meno verdeggianti del voluto. Del tipo che forse mi risparmio tracce indelebili di terra/erba sull'intero abbigliamento dopo la gita scolastica per la festa degli alberi.... Il plaid è imbottito (dovendo "sposare" la forma dell'ombrello, sia l'imbottitura che la tela esterna, cioè il lato sopra, sono stati assemblati a spicchi....un bel lavoretto insomma).



petit parapluie recyclé en petite couverture pour picnic


petite couverture enroulée (recyclage d'un parapluie)

mercoledì 15 marzo 2017

Work(s) in progress

Sto portando avanti da un po' queste due opere, in parallelo dato che richiedono tempi e spazi diversi:

Progetto 1:
- tela leggera impermeabile (riciclo )
- imbottitura leggera ma compatta (acquisto a 4€/m)
- stoffa coordinata, robusta (semi-riciclo o semi-acquisto, da chiarire con l'ex-proprietaria hihihihi)

comment recycler un parapluie cassè


Idealmente dovrei terminare il prossimo fine settimana, tempo libero permettendo.... vediamo chi indovina cosa dovrebbe diventare?

Progetto 2:
-nuovo punto di partenza del mio #jardinbeton, alias l'orto-quadrato di casa

Riciclo di alcune assi dei due precedenti mini-orti con l'aggiunta di assi nuove debitamente verniciate (spesa ammortizzabile in 3 anni d'uso, esattamente come i precedenti).  La modifica è consistente, dato che la superficie originaria (2 mq) è raddoppiata: permette un migliore utilizzo del compost prodotto ed aumenta la capacità produttiva in autarchia .... ehm cpacità delle sottoscritta permettendo....

Oggi ho provveduto alla suddivisione in 16 blocchi ed alla semina/piantumazione della metà, comprese le violette/fragole delle pupe.
Merli e gatti di passaggio permettendo, tra un paio di settimane dovrebbero germogliare le sementi .

In attesa di ulteriori sviluppi....

lunedì 13 marzo 2017

Washi tape anche qui

Ebbene si!
A forza di vederne scrivere, parlare, decantare lodi sperticate, fotografare , decorare e chi-più-ne-ha-più-ne-metta ..... abbiamo trovato un uso alternativo anche noi!

Proprio a casa nostra.... 
Proprio nel fine settimana....
Proprio nella camera della bimbe....
Proprio con quello rosa a puntini bianchi....

Immaginate un sabato mattina dedicato ai compiti.
Immaginate un sabato mattina di sole, che fuori fa tanto primavera.
Immaginate le pupe all'interno mentre dalla loro camera vedono i felici genitori "divertirsi" in giardino  a scavare, spostare, tagliare e martellare.

L'equazione è scontata, il risultato ovvio.
Voglia di far compiti zero = piantagrane ogni due millisecondi

Allora ecco la linea da non superare pena incidente diplomatico con conseguenze  che perfino Turchia-Olanda vorrebbero evitare....

Le ostilità sono cessate subito. E' scappato perfino il sorrisino..
Dureranno però finché durerà il confine (ma ho le scorte!)

martedì 7 marzo 2017

Jeans e ancora lavanda

Sempre la tipologia di riciclo abituale, direte.

Però è materiale sempre disponibile e devo pur terminare quanto progettato per un mercatino (che pare non si farà).

Allora ancora sacchetti termici con semi di lino e profumabiancheria alla lavanda.


bouillotte sèche avec lin et lapin
dettaglio con passamaneria al collo del coniglietto e roselline in nastro su profumabiancheria

I sacchetti termici sono realizzati in cotonina e jeans (sarà pure resistente, ma prima o poi si usura in diversi punti, allora ricicliamo le parti ancora in buono stato) e sono sfoderabili, il coniglietto pasquale è dipinto a mano, i piccoli sacchetti riempiti di lavanda riprendono una facciata del tetto a paillettes viola (da un piccolo portamonete, andato distrutto) e roselline che in precedenza decoravano un cerchietto per capelli delle pupe (ormai inservibile allo scopo pure lui).


Commenti o suggerimenti ?

domenica 5 marzo 2017

Delusione

Per l'abitudine alla critica, sembra che sia la reazione principale della gente.
Forse per invidia, forse per aggressività: se tu hai una cosa ed io non posso averla, allora meglio toglierla anche a te.
Sembra assomigliare tanto ad un comportamento tipico infantile.... ma tant'è:

ho pubblicato una foto di una cosa fatta da me riciclando un'altra cosa (all'interno di un gruppo di persone che condividono idee di riciclo) e pare che la cosa sia piaciuta parecchio.
Se non che tra i vari messaggi  - che non ho letto per intero, mica passo il mio tempo collegata ad internet - ne parte uno in cui mi si ricorda il copyright.

Mi chiedo come mai
1. se non ho pubblicato nulla coperto da copyright
2. se io ho imparato da qualcuno un metodo per riciclare qualcosa ed in virtù del metodo sono capace di fare qualcosa per me e ne mostro il risultato (solo la foto)
3. se il fatto di limitarmi alla foto  scatena pretese di condivisione immediata del metodo, con i dettagli

le persone non si limitino a capire se il loro interesse sia tale da sentirsi spinti verso l'apprendimento del metodo ed invece la reazione immediata sia di accusa e critica:
- non vuoi condividere quello che sai
- sei qui solo per le lodi
-... da ultimo l'accenno al copyright.

Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Ho declinato tutto, specificando dove trovare le informazioni utili per imparare.
Ho preventivamente contattato privatamente la persona dalla quale ho imparato alcune nozioni e chiesto se potevo indirizzare a lei gli eventuali interessati (ha risposto positivamente).
Poi ho cancellato la mia foto (non ne metterò più) , mi sono stufata di critiche gratuite da persone prevenute.






giovedì 2 marzo 2017

Savon

savon à la cendre pour nettoyer les assiettes





Ecco qui il nuovo sapone alla cenere!

Sformato qualche giorno fa, non potrò usarlo che dopo un periodo di bonificazione di almeno 4 settimane.

Lo trovo comodo d'uso e mi piace pensare di usare un prodotto meno inquinante dei classici detersivi per piatti. Non sono però così ferrata in materia da poter approfondire la tematica, quidi spero che vi sia un fondamento di verità, almeno.

La cenere è quella della stufa ed anche se non dovessi fare sapone (che uso essenzialmente per lavare i piatti), è possibile utilizzarla per una pasta-piatti, che io uso a dire il vero quasi esclusivamente per pulire il lavello,   e per la liscivia, che aggiungo nel secchio del mocio per pavimenti o in lavatrice.


Nonostante mi cimenti con la saponificazione da ormai un paio d'anni, mi mette sempre in ansia lavorare con la soda..... in generale però il risultato è ottimo e per i saponi per la persona il profumo è delizioso.

sabato 25 febbraio 2017

E questi li tengo per me

Perchè i precedenti sono stati tutti "adottati", ho dovuto ricorrere ad altro materiale di riciclo (jeans vecchi, ritagli di stoffa e nastri di recupero, bottoncini in pasta di mais)

profumabiancheria con lavanda e farfalle


Questi li tengo (ed anzi, me ne mancano ancora alcuni)  per gli armadi di casa! Ma per ora non ne potrò fare altri perchè la lavanda è terminata davvero (i gambi sono destinati ai decotti per saponi),c

Quello che posso fare è prepararne comunque altri nell'attesa di una bella produzione profumata 2017!
Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie