martedì 3 luglio 2018

Estate 2018 nell' orto e prime marmellate

Quest' anno la stagione è iniziata con un tripudio di insalate!



Com'è, come non è..... fatto sta che clima o fortuna, ho azzeccato la stagione di semina ed evitato quella dei coccodrilli. Una scorpacciata di insalatine fino a metà giugno, quando - dopo l' inizio del solleone e la fine della crescita delle piantine (che volevano solo fare seme) - ho tolto tutto  e seminato / trapiantato altro:

- melanzane
- cipolle
- cetrioli
- fagiolini "anellini di Trento" nani ( ma va?!)
- insalate estive
- nasturzi

Beh: i coccodrilli  sono vivi e vegeti.... Fagiolini e nasturzi pappati appena germogliati... Insalatina estiva idem appena messo la testolina fuori dal seme....

Il girasole invece ha raggiunto quota 2,5 m ma grazie al temporale/vento di oggi pomeriggio si è schiantato....sigh.

Mi manca l' insalata, quindi ritenterò ancora (intanto i pomodorini ciliegina gialli maturano benissimo).

Premio di consolazione per tirarmi su il morale: la marmellata di ribes (nero e rosso) grazie al raccolto dal nonno ed alla ricetta (basta cercare confiture allegée), con agar agar. Proprio buona.
Con 1 kg di frutta e 300 gr di zucchero ho riempito 4 barattoli Bormioli.  Ripetuta 4 volte (grazie anche al Bimby) e poi regalato qualche barattolo. Il resto ce lo pappiamo noi .... alla faccia dei coccodrilli!




Quest' anno poi si prova con le patate dolci, non credo faremo nulla di spettacolare per la patata in sé, mi interessa solamente per la cascata di foglie a cuore .


sabato 16 giugno 2018

Uncinetto rilassante

Un periodo particolarmente impegnativo sotto moltissimi punti di vista, cose belle e cose meno belle purtroppo, ma la vita si svolge secondo un cammino non prevedibile ed è inutile cercare di capire cosa sarebbe andato diversamente se..... Meglio mettersi l' animo in pace (non che sia semplice, a volte). Errori oltretutto se ne fanno e se ne faranno ancora.

Fatto sta che la settimana di vacanza, pianificata da mesi, si è incastrata nel momento in cui davvero serviva staccare, riposare e cambiare aria, ambiente, ritmo.

Nella valigia all' ultimo ho buttato anche un gomitolo di cotone ed un uncinetto.
Grazie a Pinterest ho trovato cosa realizzare (ne ho scelte due) tra le decine visionate.

Una per le pupe (prototipo, mi sono detta, vediamo se piace) ed una per me (la mia precedente è stata azzeccatissima).

Ma cosa ho fatto sul bordo vasca, in macchina, in spiaggia, in giardino con questo benedetto uncinetto (n.4) ed il gomitolo di cotone (bianco e grosso)?


  • una mini-pochette da polso (da provare per un jogging o una gita in bici, oltre che per i giochi che i bambini potrebbero inventarsi)


mini pochette de poignet pour enfants
mini-borsello da polso

La realizzazione ha richiesto davvero poco tempo, per una principiante come me, una volta scelto come strutturare la fascia da polso (chiusa, con velcro o gancio) e come realizzare la patella di chiusura. Poi ho dovuto attendere di rientrare a casa per sistemare i vari fili con un ago e scegliere il "bottone".

Come dimensioni potete vedere dalla foto che è davvero mini: direi che potrebbero starci un paio di fazzoletti, una chiave o del denaro.  Per me che ogni tanto esco in bici o per una passeggiata, i-pod  + fazzoletto + tessera di apertura del basculante garage.

Quanto al colore, il bianco è delicato ma anche lavabilissimo. Data la quantità minima, possono andare bene anche avanzi di lavori precedenti (oltretutto si può giocare sul duo bracciale/pochette).



  • una custodia per il Kindle, per la quale ho sperimentato anche la creazione di un bottone in tinta

pochette kindle blanche au crochet
nuova custodia kindle 

dettaglio bottone per custodia Kindle
dettaglio del bottone, interamente ad uncinetto

chiusura custodia kindle ad uncinetto
dettaglio della chiusura


Le foto mi sono venute male, non so perché ... comunque:
punto conchiglia (così l' ho imparato) circondato da una cornice di punto basso, catenella per la chiusura e per il bottone un tutorial super easy.  Anche qui, ho atteso di avere sottomano un ago per chiudere i fili e fissare il bottone ed il Kindle è stato prontamente trasferito.

Penso che mi farò una bella pochette simile, con zip di chiusura stavolta, per le uscite serali estive....

A presto!



domenica 27 maggio 2018

Nell' attesa tra sciroppo e patchwork...

upcycling t-shirt con pizzo
Aggiungi didascalia


... mi sono tenuta occupata con altre attività:



- sistemazione di una maglietta per la pupa grande (da maniche lunghe, diventata "corta" in zona vita, ho recuperato una manica corta ed aggiunto un giro di pizzo, v. a lato)



- ho dato qualche ritocco ad alcune pagine di un "quiet book" in cantiere da un po'

quiet book page en rouge

quiet book page en vert

quiet book page en jaune



- ho utilizzato un nuovo henné per coprire i miei capelli bianchi e preparato un'ennesimo burro struccante al karitè 

Lo sciroppo se ne sta buonino in pentola (nuova ricetta in corso) ed il plaid da terminare è quasi pronto da regalare.

Buona settimana!

giovedì 17 maggio 2018

Nuovo prototipo in jeans

Finalmente ho finito pure questo.... quando si dice, di necessità virtù.

La stoffa era tagliata e riposta assieme al raccoglitore da un po'. Sempre in attesa di spazi e tempi più favorevoli.  Ma oramai siamo a fine anno (scolastico) e tanto valeva tentare l'esperimento.

Jeans (di recupero) + fantasia (nuovo acquisto, in realtà per altro progetto ma vabbè..) =

FODERA IN TESSUTO PER RACCOGLITORE AD ANELLI






Considerazioni del lavoro:
+ assemblaggio piuttosto veloce, stiratura delle cuciture obbligatorie e risultato soddisfacente.  Oltretutto lavabile, che non è poco. Ad ogni modo la destinataria non si è affatto lamentata...

- il jeans elasticizzato non è il massimo.... ha l' indubbio vantaggio di adattarsi alla forma del raccoglitore, nel senso che una cucitura non proprio perfetta non si vede, oppure se le dimensioni sono leggermente "scarse" il jeans si adatta appianando alcune arricciature.  Purtroppo vale anche il contrario: se le misure / cuciture sono state un pelo troppo ampie, l'unica soluzione è rifare tutto.

Nel mio caso è successo esattamente il primo caso, per fortuna.
Rimane un prototipo, per il prossimo devo migliorare le cuciture ....




giovedì 26 aprile 2018

Plaid diy



Da riciclo di vecchi maglioni, ancora in ottimo stato ma semplicemente passati di moda o non più indossati...

Ho iniziato a tagliare i quadratoni di buona lena.

Poi in qualche modo ... come dire ...  il ritmo ha rallentato.

Credo principalmente sia dovuto al fatto che non ho posto per un tale lavoro: serve infatti avere a disposizione - per ore o giorni - un tavolo  dove misurare, segnare, tagliare.
Un pavimento dove buttare i ritagli ed un sacco del "residuo" dove nasconderli farli sparire.
Un angolino libero dove impilare i quadratoni utili.
(E questo solo per la prima fase del lavoro)


I quadratoni sono diventati 56 ad un certo punto. Anzi di più, perché temendo di non avere abbastanza maglioni, ho iniziato a ritagliare anche mini-quadrati, unendoli a 4 per ottenere un quadrato della giusta dimensione.

Nella foto li vedete accatastati alla rinfusa....







Fatte le dovute pulizie, sono passata alla fase due: provare gli accostamenti, abbinandoli e muovendo i colori per ottenere un disegno omogeneo. Sul tappeto tra divano e tv.....


Nella foto si vede il risultato di ore di macchina da cucire, puntatura di spilli, ricostruzioni di quadrati e strisce. Un lavoraccio, credo di essermi vaccinata verso un ulteriore prossimo tentativo simile ...... però sono avanzati dei quadratoni....



Manca la fase tre: devo trovare un pareo oppure un tessuto simile per leggerezza, idealmente stampato a motivo Liberty nelle tonalità dei maglioni quadratoni . E lo devo cucire sul retro per chiudere il plaid. Poi bordare.
Domanda: come unire le due facce internamente? Piccole cuciture in punti strategici?

La fase quattro.... beh, dovrebbe essere un regalo.... vedremo ...

domenica 8 aprile 2018

Primavera 2018










Alcune fioriture sono già passate, altre in corso, le prossime sono attese con impazienza.
Per fortuna già qualche farfalla e quale ape si vede in giro.









Quanto all'orticello, quest'anno è tutto già piantato : sto sorvegliandone i progressi una attesa di potermi approvvigionare in alternativa al supermercato.


Detto ciò, spero di migliorare nell'uso dei quadratoni, avendo ormai verificato che :


- le insalate crescono benone, anche in ombra parziale

- il terreno si asciuga poi troppo facilmente con le alte temperature, mi piacerebbe provvedere ad una pacciamatura efficace, ma ciò vuol dire disporre di piante singole già cresciute (no semine dirette)

- qualche semenzaio è stato predisposto, chissà cosa riuscirò a produrre quest'anno (già spuntati fino ad ora pomodori, cetrioli, peperoni).



Mi piacerebbe anche effettuare una coltivazione a gradoni, nel senso dell'esposizione delle colture in funzione della loro altezza.



Dovrò far i conti anche con le bestiole, che già hanno iniziato ad attaccare piselli , basilico, petunie e gigli.


Finisco qui, per ora,  sulla nota della borsa "ginkgo" terminata ed ormai in uso. In realtà avrei dovuto regalarla, ma non ho nemmeno avuto occasione di impacchettarla..... ops.
Si tratta di un recupero in extremis: trovata sotto un cesto di maglioni da buttare (per questo altro progetto in fase di realizzazione), aveva l'aspetto di una normalissima borsetta in jeans dalle dimensioni contenute. Il mio ricamo di prova con la foglia di ginkgo era una attesa nell'armadio, quindi..... ho aggiunto solo le perline rosa (3 tonalità , la foto è scura, non si vedono molto bene).




martedì 27 febbraio 2018

Di nuovo jeans

Nemmeno fosse un reato seriale, ma tant'è, complice una disponibilità improvvisa di jeans da riciclare, ho (quasi) portato a termine 2 cose:








un paio di cuscini, leggermente imbottiti, per la seduta delle panche da giardino dell'anno scorso, queste qui 







... e...









... una borsa cucita su pattern in stile Japan con ricamo ispirato al sashiko, che per la pazienza che ho in questo periodo è un pochino "troppo" per me, ma a ben pensarci potrebbe avere lo stesso effetto del coloriage terapeutico ..... comunque, sto terminando i cerchi e l'effetto finale mi pare promettente... la foto è un po' scura, il contrasto blu-bianco però è molto bello.

 Un po' alla volta la terminerò e potrò finalmente usarla .





Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie