venerdì 23 maggio 2014

Il n'y a pas d'heures pour faire du velo?


Pare invece di sì!

Chi conosce il Trentino sa bene che qui si coltivano in maniera intensiva mele ed uva, fra le altre cose.

 L' estate scorsa, nella pausa lavorativa, avevo iniziato ad andare a camminare la mattina  ( nell' orario che mamme occupate a tempo pieno  ben possono intuire quale sia) approfittando delle piste ciclabili lungo fiume, tra meleti e vigneti... scoprendo purtroppo di trovarmi di colpo in mezzo ad un'area in trattamento:

prima l'odore strano nell' aria, poi il rombo sordo dell'atomizzatore, poi gli occhi che cercano  veloci tutt'intorno la nuvoletta rivelatrice. Che scompare - pur a motore acceso - quando a fine rettilineo l' agricoltore deve girare il macchinario.
Che fare in questa situazione?  Una se ne esce per fare un po' di  movimento, lontano dal traffico ed in orario che dovrebbe essere quieto  con aria fresca e pulita ed invece niente: levataccia per nulla?

Stamattina di nuovo: alle 5.55  in bici sulla ciclabile lungofiume, alle 6.55. sulla strada secondaria tra i vigneti lungo la ferrovia (vado a lavorare in treno)... due momenti diversi in due zone diverse.

Ma tant'è.... qui gli agricoltori vendono i loro prodotti alle rispettive cooperative ma solo se dimostrano di aver rispettato un protocollo specifico anche sui trattamenti. E ne conosco uno che ha candidamente ammesso che lui, il prodotto della sua terra non lo porta a casa: ci vive ma non se lo mangia, compera altro.

Adesso vorrei capire se c'è e cosa prevede il regolamento comunale in merito e cosa viene fatto per tutelare la salute dei passanti:
è  vero che si tratta di zone agricole, ma sono comunque vicino ad aree abitate
è vero che siamo in zona ventosa ma in linea d'aria si parla di un paio di km massimo
è vero che si tratta di solito in orari  in cui c'è basso transito di popolazione, ma basso non vuol dire nullo, nè tantomeno che un cartello all' imbocco della ciclabile avvisi della possibilità di trattamenti chimici
ed è vero anche che l' agricoltore sta nella sua cabina ben sigillato, le mie mucose del naso invece hanno gradito poco anche se ho pedalato veloce per allontanarmi dalla zona appestata. Ma se vado a lavorare, non ho tempo di fare dietro front e tirare fuori la macchina (oltretutto per pochissimi km? bell' esempio di comportamento ecologico).

ed è vero anche che mangio mele ed uva.

Prevedo un'interrogazione all' assessore comunale...
Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie