lunedì 4 maggio 2015

Organizzarsi

Sono una fissata dell' organizzazione, io,  e del riempire al meglio i tempi morti per evitare sprechi di energie, risorse, tempo. Miei in primis, se devo coinvolgere altre persone anche i loro: la filosofia è quella di arrecare il minor disturbo possibile.

Ho un problema/ imprevisto? Cerco di arrangiarmi da sola.
Se non riesco, coinvolgo altre persone, ma il meno possibile, per il minor tempo possibile, anche se così facendo mi complico un po' la vita.
Ma se il problema/imprevisto è mio, perchè dovrei buttarlo per intero sulle spalle degli altri? Senza cercare di ridurlo ai minimi termini, oltretutto....

Detesto lo scaricabarile puro, credo di esserne allergica.

Il tempo è prezioso e chi ne sa qualcosa sono le mamme con bimbi. Non escludo però il resto del mondo, sia chiaro.

Il grosso, enorme "neo" dell' essere troppo organizzati è quello di voler strafare per "farci stare tutto", cosa impossibile e me ne rendo conto (nel caso non me ne rendessi conto e cominciassi a partire-per.la-tangente, ho un marito che pigia sul pulsante stop, per fortuna!). Questo dunque il lato negativo dal mio punto di vista, ovvero quando in prima persona organizzo & faccio. Ed il fine settimana mi serve per riprendere fiato, dedicarmi alla famiglia con momenti e attività specifiche, hobby. E' un recupero fisico e mentale necessario, altrimenti lo stress sale troppo.

L' altro lato della medaglia è quello che si vede da fuori: una persona che fa del suo meglio per conciliare tutto e che ha un discreto successo. Discreto, lo dico io e mi va bene così; quello che invece vedono gli altri non lo so.

So invece che ci sono tante persone assolutamente disorganizzate, che si tratti di lavoro o meno.
E quello che mi fa innervosire è che un imprevisto non viene risolto tentando di ottimizzare modi e tempi (a volte possibile, a volte no), ma spesso viene fatto ricadere su altri: del tipo, per risolvere questo mio imprevisto coinvolgo altre persone (a random, senza nemmeno pensare all' esistenza di eventuali loro impegni/priorità oppure a caratteristiche che li rendano meno adatti ad essere gli "eletti" della situazione) scaricandolo su di loro, senza davvero sacrificare me in prima persona come invece si dovrebbe fare.

Esempio, proprio domani:
causa sciopero nelle scuole, una delle figlie inizierà le lezioni solo nel pomeriggio e la comunicazione è arrivata a casa con ben - udite udite - 36 ore di preavviso. Lavoriamo entrambi, quindi....
Piano A (stare a casa io): non realizzabile, periodaccio , oltretutto ho già una visita medica domani pianificata da mesi.
Piano B (se la porta al lavoro il marito e poi io la recupero): non realizzabile, dato che già sarò dal medico e non potrei recuperarla in tempo utile.
Piano C (chiedere ad una amica, vicina di casa): non realizzabile, anche lei ha i suoi impegni e poi - pur avendo lo stesso problema con la figlia - non me l' ha proposto.
Piano D (chiedo al nonno, che ha pure i suoi impegni da buon pensionato full-time): realizzabile, ma mia figlia lo seguirà nei suoi impegni. Ok.

Soluzione "scelta": D, col benestare del nonno, ma (condizioni che decidiamo sempre noi) "porto casa-del-nonno" ovvero gli consegnamo la pupa/ce la andiamo a riprendere (il che comporta una maggiore organizzazione e km da percorrere)  + gli lasciamo il denaro per gli spostamenti e lo spuntino di mezza mattina suo e della pupa. Con le corse del caso: la mattina,  pranzo mio saltato, seconda figlia da recuperare al volo, pupa grande da prelevare a fine lezioni e riunione scolastica del tardo pomeriggio che salterà.... non posso disturbare altre persone, no?

Altro esempio:
estate scorsa passata a giocare a tetris in quattro dimensioni per gestire le vacanze estive delle pupe non potendo fare altrimenti --> attività estive per entrambe per tutto il tempo necessario ma a livello di costi ho girato il mio stipendio per intero. Ho "scomodato" alcuni volontari solo perchè offertisi (con moneta di scambio, detesto essere in debito con qualcuno) e comunque per il tempo minimo indispensabile.

quest' estate: situazione lavorativa più rilassata ma non meno complicata, però prenderò qualche settimana di aspettativa, da passare solo con le figlie, sono vacanze loro con la mamma! Se "sacrifico" lo stipendio, è per la famiglia e basta!!!


Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie