domenica 9 settembre 2012

Confronti ...ovvero il tempo passa


 Oggi siamo tornati al parco giochi vicino casa.  Quello già poi paragonato al corrispettivo expat.

Giusto per sgranchirci le gambe e approfittarne per una passata all'isola ecologica (dato che, diciamolo, paese che vai usanze che trovi anche in termini di raccolta differenziata.... reset e si riparte!)


Rispetto a due anni fa, quando siamo partiti, già cammin facendo ho notato alcune differenze e arrivando al parco appunto ho tirato le somme:

  • sono apparsi cartelli con la scritta “obbligo di tenere cani al guinzaglio e di pulire le loro deiezioni”. Bene. Ovviamente rispetto a quel di Paris, non c'è paragone nemmeno senza cartello ....

  • marciapiedi parzialmente rifatti e sistemazione della loro pendenza, così quando piove non “scompaiono” sotto la pozzanghera. Bene.

  • Rilevatori di velocità. Quelli nuovi che non si sa quando siano attivi in rilevazione e quando no. Diciamo che sono dissuasori, a buon intenditore....  Bene.

  • Attraversamento pedonale aggiuntivo. Nelle vicinanze del punto precedente.  Bene.

    Venendo al parco giochi rionale:

  • Sistemazione parziale della vecchia palizzata (arrugginiata e in sfacelo) che delimita l'area bimbi. Bene.

  • Aggiunta di panchine (ce n'era solo una, ridotta maluccio) per le mamme che accompagnano i bimbi, sistemazione del manto erboso che è più fitto (ma non meno dissestato), piantumazione di un alberello nel settore giochi. Bene.

Veniamo al “meno bene”:

  • ancora scarsa manutenzione delle strutture giochi, v.foto. Ok, ci sono "utenti" anagraficamente non classificabili nella  tenera età  - il loro cervello invece sì - che si divertono con attività di dubbio gusto, ma  chi si occupa della manutenzione dovrebbe segnalare i danni cagionati, dato che non esiste sorveglianza (tanto di cappello quindi ai parchi parigini, recintati, con orari d'accesso, custoditi e ben tenuti)... 
  • tags volgari non ripuliti (si ricorda che l'area giochi è per bimbi dai 3 anni in su)
  • recizione del campo da calcio annesso... status quo. Ma continuate a leggere....


    Quello che mi ha fatto molto piacere invece è stato vedere un gruppo di ragazzi sulla ventina chiaramente stranieri  arrivare preparati per accedere all'ex campo da calcio, lasciato completamente a sè stesso: tagliaerba a filo, mazze e palla per giocare a cricket.  Non hanno danneggiato nulla per entrare (la recinzione esistente è penosa, sembra che i pezzi siano tenuti assieme con la colla e qualche spago da cucina, ma i buchi sono tali che ci si passa attraverso senza sforzi e senza graffi), hanno rasato l'erba per la loro area di gioco ( il pitch e poco più per recuperare le palle) e si sono dati ad una sana attività domenicale. 

    Spero che il Comune non faccia storie, magari hanno chiesto il permesso prima, magari no. Ma dato che l'"Italia è una Repubblica fondata sul calcio", non mi stupirei di nulla....

    I miei complimenti ad una gioventù che sa ancora come divertirsi (non stando a danneggiare i giochi altrui, ad esempio....)

Le foto presenti in questo blog con il logo "creazioniedintorni" sono di mia
proprietà così come alcune senza logo. Ce ne sono altre prese da internet da fonti che le definivano free, quindi per queste ultime nel caso in cui
io abbia potuto ledere inconsapevolmente il diritto d'autore, vi prego di avvisarmi via e-mail e
verranno immediatamente rimosse. Grazie